Fare cinema è possibile in Italia?

fare cinema

Fare cinema è possibile in Italia?

Il nostro Paese è una delle Nazioni col maggior numero di film d’ autore e per questo si è conquistata un posto speciale nell’ industria. Ad oggi però fare cinema in Italia è possibile? Quali sono le difficoltà che incontrano i giovani registi esordienti? Come vengono percepite dal pubblico le proposte di autori sconosciuti? Quanto può essere difficile fare carriera senza il supporto di una grossa produzione alle spalle?

 

Talent Campus per cominciare a fare cinema in Italia

Le difficoltà che incontrano i giovani esordienti dell’ industria cinematografica moderna sono svariate. Esse possono essere ridotte se il novizio è dotato di un talento particolare ma rimane sempre la complessità nel trovare l’opportunità di mostrare le suddette capacità. Fortunatamente esistono moltissimi festival del cinema, oltre ai più noti come quello di Venezia, che nel nostro Paese danno la possibilità ai più talentuosi di presentare i propri lavori.

Naturalmente anche in questo caso ci vuole un po’ di fortuna ed un background formativo di tutto rispetto, ma col percorso giusto è possibile fare cinema in Italia grazie ai cosiddetti Talent Campus. Si tratta di un’ interessante invenzione, relativamente recente, tramite la quale l’industria cinematografica coltiva nuovi talenti con workshop, sessioni di pitching, incontri, eccetera, con i mostri sacri del cinema.

In questi ritrovi i giovani hanno l’ opportunità di mostrare le proprie creazioni con la certezza che verranno visionate da persone competenti, che hanno i mezzi e le possibilità di promuoverle, eventualmente. Il trucco dunque per fare cinema in Italia è quello di partecipare a più festival possibile, proponendo materiale sempre nuovo e di qualità migliore.

 

Fare cinema all’ estero

Secondo quanto affermato da alcuni registi esordienti, è più facile fare cinema in Italia rispetto che all’ estero. Francesi e Tedeschi non sono gli unici a “disprezzare” la produzione italiana, proprio per la forza che essa riscontra nel nostro Paese. Va però detto che le opportunità di certo non mancano anche per chi desidera uscire dai confini nazionali.

Abbiamo registi di documentari e film estremamente apprezzati in terra straniera, che devono il loro successo a tanto impegno e ad una qualità differente nella produzione rispetto a quanto sono abituati gli stati in cui lavorano. Concludendo dunque possiamo solo invitare tutti gli aspiranti attori, registi e produttori a rimboccarsi le maniche e a cogliere ogni opportunità.

No Comments

Post a Reply