Le regole del ritratto fotografico perfetto

Le regole del ritratto fotografico perfetto

In fotografia non ci sono vere e proprie regole. Vi sono, tuttavia, alcune buone abitudini che i fotografi seguono quando devono catturare rapidamente una buona immagine. Queste abitudini sono particolarmente importanti durante le riprese per i clienti e non solo per i progetti personali.

Le regole su come fare un perfetto ritratto fotografico

1) Tagliare mani, piedi, e fronte può rovinare il flusso visivo.

Braccia e gambe possono agire come linee guida per gli spettatori che le seguono verso il bordo dell’immagine. Il taglio sulle caviglie, i polsi, e la fronte è spesso troppo brusco per gli spettatori. State sempre attenti a dove taglierete, soprattutto nella fronte si rischia di ottenere uno sgradevole “effetto Frankenstein”.

01

2) Tutto ciò che sta dietro la testa del soggetto può rovinare l’immagine.

Evitate alberi o pali che spuntino dalla testa del soggetto e preferite sempre fondi neutri. Anche in studio non sottovalutate le pieghe ribelli e inestetiche dei fondali.

3) Ricordate la regola dei terzi

Come sappiamo la regola dei terzi ha ancora un forte peso nella fotografia. Posizionando il soggetto lungo una delle linee verticali / orizzontali che dividono l’immagine in terzi si otterranno risultati soddisfacenti. Inoltre, mettendo il proprio modello in un angolo e non nei quadrati si può avere un effetto “snellente”.

4) L’importanza dell’illuminazione.

In esterno, con la luce naturale si può sfruttare:

– il sole di lato, con o senza pannello riflettente, se non lo avete va bene un telo bianco o un pezzo di polistirolo
– il sole sopra la testa, con pannello riflettente
– il controluce, con pannello riflettente
– l’ ombra, con o senza pannello riflettente

05

Con le luci in studio:

saggezza vuole che per le foto in studio, a parte le tre o quattro luci canoniche (Rembrandt, Butterfly, Loop, Split ) lo studio deve essere un’area di libertà e sperimentazione, quindi sfogate la creatività.

06 bis

5) Dirigete il vostro soggetto.

Il segreto è nei dettagli e la riuscita di un ritratto può dipendere da un micro cambiamento dell’espressione piuttosto che dai grandi movimenti.

07

6) La ripresa dal basso non è mai lusinghiera per il soggetto.

È raro che un soggetto riesca a guardare bene quando viene ripreso dal basso. Le narici poi sono poco fotogeniche come elemento.

08

Queste abitudini sono un valido aiuto per creare immagini efficaci e solide. Quando vi sentirete sicuri non dovete far altro che infrangere le regole e trovare il vostro stile.

No Comments

Post a Reply